Reti locali
 

Ponte ra***** tra due piani

gandalf.corvotempesta@gmail.com 30 Dic 2014 20:44
Ciao e buone feste.
Ho la necessità di connettere due piani (sono due abitazioni differenti)
mediante "quel_che_vuoi_purchè_senza_cavi" per condividere una ADSL

Ho provato la soluzione più semplice: client wifi nella abitazione senza ADSL
(la mia) che si collega al router wifi nella abitazione con ADSL.

Qui il primo problema: il router usa WPA2, ovviamente, ed il client, nonostante
supporti questa modalità (ho anche flashato DD-WRT per avere maggiore
flessibilità) non riesce a connettersi in alcun modo.

Ho quindi temporaneamente rimosso la WPA2, in questo caso la connessione va a
buon fine ma la latenza media è attorno ai 30ms (mi sembrano eccessivi, per
essere wifi, in questo preciso momento, con il mio notebook connesso via wifi
raggiungo un router dietro powerlink a 5ms)

Idee alternative? Se passo a .11n avrò benefici ?
Oltretutto ho messo una antenna da 8db sul client in modo da ricevere al meglio
il segnale del router ma la situazione non cambia.

Questa la topologia:

Router ADSL -> client WiFi -> mio portatile

Non penso di poter usare un powerline dato che i due appartamenti hanno un
contatore Enel differente.
ObiWan 31 Dic 2014 14:52
It was Tue, 30 Dec 2014 11:44:25 -0800 (PST) when
gandalf.corvotempesta@gmail.com wrote:

> Ciao e buone feste.

buon anno; sono di fretta, quindi scusa la brevità

> Ho la necessità di connettere due piani (sono due abitazioni
> differenti) mediante "quel_che_vuoi_purchè_senza_cavi" per
> condividere una ADSL

se i due piani condividono l'impianto elettrico potresti valutare l'uso
di homeplugs come, ad esempio, quelli di devolo; in alternativa, se la
cosa non fosse possibile, valuta l'uso di una coppia di AP dedicati che
oltre ad essere piazzati in posizione strategica, utilizzino due
antenne direttive orientate l'una verso l'altra; ad esempio, un paio di
antenne tipo questa

http://www.tp-link.com/en/products/details/?model=TL-ANT2414A

o questa

http://www.tp-link.com/lk/products/details/?model=TL-ANT2424B

le piazzi in modo da "fronteggiarsi" (al limite una orientata verso il
basso e l'altra verso l'alto); le connetti agli AP con*****urati per fare
da "bridge" tra le due reti e via andare
gandalf.corvotempesta@gmail.com 1 Gen 2015 19:13
Il giorno mercoledì 31 dicembre 2014 14:52:37 UTC+1, ObiWan ha scritto:
> se i due piani condividono l'impianto elettrico potresti

Come scritto nel post originale, i due piani NON condividono l'impianto
elettrico, sono separati a livello di contatore Enel, sono due appartamenti
differenti.
Claiudio 2 Gen 2015 14:57
Il 01/01/2015 19:13, gandalf.corvotempesta@gmail.com ha scritto:
> Il giorno mercoledì 31 dicembre 2014 14:52:37 UTC+1, ObiWan ha scritto:
>> se i due piani condividono l'impianto elettrico potresti
>
> Come scritto nel post originale, i due piani NON condividono l'impianto
elettrico, sono separati a livello di contatore Enel, sono due appartamenti
differenti.
>
Sulla completa incomunicabilità non ci metterei le mani sul fuoco.
Se hai la possibilità, tipo una coppia di PL che ti avanzano, fallo.

Riguardo il problema del WPA2, mi chiedo: ma al client wifi, come ti ci
colleghi? Con cavo o sempre via ra*****?
gandalf.corvotempesta@gmail.com 4 Gen 2015 00:43
Il giorno venerdì 2 gennaio 2015 14:57:02 UTC+1, Claiu***** ha scritto:
> Sulla completa incomunicabilità non ci metterei le mani sul fuoco.
> Se hai la possibilità, tipo una coppia di PL che ti avanzano, fallo.

Ne ho due nuovi di pacca, domani provo, con i PL mi sono sempre trovato molto
bene, ne ho una coppia attiva da circa 4 anni senza mai un singolo problema, han
sempre funzionato perfettamente, quindi se riuscissi ad usare il PL, ben venga.

> Riguardo il problema del WPA2, mi chiedo: ma al client wifi, come ti ci
> colleghi? Con cavo o sempre via ra*****?

Durante le prove: via rete.
A regime: WiFI con il mio portatile, via PL il decoder di Sky e sempre via PL un
PC fisso in camera.
gandalf.corvotempesta@gmail.com 4 Gen 2015 00:46
Il giorno giovedì 1 gennaio 2015 20:06:01 UTC+1, Lorenz ha scritto:
> In tal caso non rimane che usare la soluzione dei due AP in bridge...

Io o***** il WiFI, è la cosa più instabile che abbia mai visto e, non so per
quale motivo, per attraversare un piano (linea d'aria: 1 metro) il segnale viene
più che dimezzato.

Capisco che serve visibilità ottica, ma dimezzare il segnale per attraversare
un piano (bada bene: ho l'access point 'sopra' messo su un mobile a 50cm da
terra, l'access point 'sotto' messo esattamente sotto l'altro ed attaccato al
soffitto, quindi la distanza è veramente 1 metro) è veramente troppo.
gandalf.corvotempesta@gmail.com 4 Gen 2015 13:42
Il giorno venerdì 2 gennaio 2015 14:57:02 UTC+1, Claiu***** ha scritto:
> Sulla completa incomunicabilità non ci metterei le mani sul fuoco.
> Se hai la possibilità, tipo una coppia di PL che ti avanzano, fallo.

Però, non vedo in che modo possa funzionare.
L'unico punto di collegamento tra i due impianti elettrici è a monte dei due
contatori ENEL, ovvero la linea enel principale che alimenta tutta la palazzina.
Dai contatori in giù, ovviamente gli impianti sono separati.

Non vedo in che modo possa funzionare un PL, se così fosse, sarebbe piuttosto
preoccupante come situazione, ovvero che il PL di una abitazione possa uscire ed
andare fino a monte del contatore enel e, di conseguenza, arrivare anche in
abitazioni vicine servite magari dalla stessa linea principale.
Claiudio 4 Gen 2015 16:26
Il 04/01/2015 13:42, gandalf.corvotempesta@gmail.com ha scritto:
> Il giorno venerdì 2 gennaio 2015 14:57:02 UTC+1, Claiu***** ha scritto:
>> Sulla completa incomunicabilità non ci metterei le mani sul fuoco.
>> Se hai la possibilità, tipo una coppia di PL che ti avanzano, fallo.
>
> Però, non vedo in che modo possa funzionare.
> L'unico punto di collegamento tra i due impianti elettrici è a monte dei due
contatori ENEL, ovvero la linea enel principale che alimenta tutta la palazzina.
> Dai contatori in giù, ovviamente gli impianti sono separati.
>
> Non vedo in che modo possa funzionare un PL, se così fosse, sarebbe piuttosto
preoccupante come situazione, ovvero che il PL di una abitazione possa uscire ed
andare fino a monte del contatore enel e, di conseguenza, arrivare anche in
abitazioni vicine servite magari dalla stessa linea principale.
>
Perché i contatori non sono dei filtri perfetti, ma introducono solo un
abbattimento del segnale su quelle portanti. Abbattimento più o meno
forte, ma non totale: magari passa mezzo megabit, magari anche niente.

La situazione sarebbe abbastanza preoccupante se i produttori non
avessero introdotto la crittografia su quegli apparati e la possibilità
di associarli fra di loro.
Studi sulla loro sicurezza non ne ho visti, e questo sicuramente non
depone a loro favore, ma ho visto personalmente la comunicazione
avvenire fra due apparati collegati a due contatori differenti. Si
trattava di una casa in cui un'ala era stata subaffittata e quest'ala
veniva alimentata da un contatore differente.
ObiWan 11 Gen 2015 12:40
It was Sat, 3 Jan 2015 15:46:29 -0800 (PST) when
gandalf.corvotempesta@gmail.com wrote:


> Capisco che serve visibilità ottica, ma dimezzare il segnale per
> attraversare un piano (bada bene: ho l'access point 'sopra' messo su
> un mobile a 50cm da terra, l'access point 'sotto' messo esattamente
> sotto l'altro ed attaccato al soffitto, quindi la distanza è
> veramente 1 metro) è veramente troppo.

occorrente:

due AP
due coppie injiector/splitter PoE
due patch UTP
due contenitori plastici x microonde (li trovi anche all'IKEA)

piazzi i due AP nei contenitori fissando il tutto fuori delle finestre
ed entrando negli appartamenti con il cavo, l'alimentazione avverrà
tramite PoE, il resto viene da solo :)
Andrea D'Amore 11 Gen 2015 23:17
On 2015-01-03 23:46:29 +0000, gandalf.corvotempesta@gmail.com said:
> Io o***** il WiFI, è la cosa più instabile che abbia mai visto e, non so
> per quale motivo, per attraversare un piano (linea d'aria: 1 metro) il
> segnale viene più che dimezzato.

Per caso le antenne sono a dipolo e le hai orientate entrambe in verticale?

--
Andrea
thorndyke2@gmail.com 22 Gen 2015 22:05
Il giorno domenica 4 gennaio 2015 13:42:08 UTC+1, gandalf.co...@gmail.com ha
scritto:
> Però, non vedo in che modo possa funzionare.
> L'unico punto di collegamento tra i due impianti elettrici è a monte dei due
contatori ENEL, ovvero la linea enel principale che alimenta tutta la palazzina.
> Dai contatori in giù, ovviamente gli impianti sono separati.

Funziona se sono state usate le stesse fasi
Qui c'è un esempio con tanto di trasferimenti dati effettivi:
http://pietroippoliti.blogspot.it/2014/11/powerline-d-link-dhp-w311av-vs-tp-link.html


> Non vedo in che modo possa funzionare un PL, se così fosse, sarebbe piuttosto
preoccupante come situazione, ovvero che il PL di una abitazione possa uscire ed
andare fino a monte del contatore enel e, di conseguenza, arrivare anche in
abitazioni vicine servite magari dalla stessa linea principale.

Perché preoccupante? La comunicazione è criptata...
Claiudio 26 Gen 2015 11:52
Il 04/01/2015 13:42, gandalf.corvotempesta@gmail.com ha scritto:
> Il giorno venerdì 2 gennaio 2015 14:57:02 UTC+1, Claiu***** ha scritto:
>> Sulla completa incomunicabilità non ci metterei le mani sul fuoco.
>> Se hai la possibilità, tipo una coppia di PL che ti avanzano, fallo.
>
> Però, non vedo in che modo possa funzionare.

Giusto per curiosità, alla fine come hai fatto?

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Reti locali | Tutti i gruppi | it.comp.reti.locali | Notizie e discussioni reti locali | Reti locali Mobile | Servizio di consultazione news.